Decreto Legge N. 18 del 17 Marzo 2020 c.d. «Cura Italia»

Scadenze dei versamenti

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale (G.U. 17.3. 2020 n .70) il Decreto Legge N. 18 del 17 Marzo 2020 – Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Il decreto prevede misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale, misure a sostegno del lavoro, misure a sostegno della liquidità attraverso il sistema bancario, misure fiscali a sostegno della liquidità delle famiglie e delle imprese, ed ulteriori disposizioni che saranno oggetti di prossime circolari dello Studio.

Nuovi termini di versamento

Facendo seguito alla comunicazione di Studio del 16 Marzo u.s., siamo a confermare che  tutti i versamenti nei confronti delle pubbliche amministrazioni, previdenziali ed assistenziali, oltre che i premi per l’assicurazione obbligatoria, in scadenza il 16 marzo 2020 sono prorogati al 20 marzo 2020.

 Sono previste tuttavia alcune eccezioni.

  • Per i soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione con domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato con ricavi o compensi non superiori a 2 milioni di euro nel periodo di imposta 2019 (ovvero nell’esercizio precedente a quello in corso al 17.3.2020 per coloro con esercizio non coincidente con l’anno solare), i versamenti da autoliquidazione relativi a ritenute alla fonte di cui agli articoli 23 e 24 DPR 600/1973, addizionale regionale e comunale, I.V.A., contributi previdenziali e assistenziali, premi per l’assicurazione obbligatoria, aventi scadenza nel periodo compreso tra l’8 marzo 2020 e il 31 marzo 2020, sono effettuati, senza applicazione di sanzioni ed interessi, in un’unica soluzione entro il 31 maggio 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di maggio 2020.
  • Per i soggetti (lavoratori autonomi ed agenti) con domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato, con ricavi o compensi non superiori a euro 400.000 nel periodo di imposta 2019 (ovvero nell’esercizio precedente a quello in corso al 17.3.2020 per coloro con esercizio non coincidente con l’anno solare) i ricavi e i compensi percepiti tra il 17.03.2020 ed il 31 marzo 2020 non sono assoggettati alle ritenute d’acconto di cui agli articoli  25 e 25-bis  DPR 600/73 da parte del sostituto d’imposta, a condizione che :

– nel mese precedente non abbiano sostenuto spese per prestazioni di lavoro dipendente o assimilato,

– rilascino un’apposita dichiarazione al sostituto d’imposta, dalla quale risulti che i ricavi e compensi non sono soggetti a ritenuta ai sensi del citato D.L. N. 18/2020.

I contribuenti, provvederanno poi a versare l’ammontare delle ritenute d’acconto non operate dal sostituto, senza applicazione di sanzioni ed interessi, in un’unica soluzione entro il 31 maggio 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di maggio 2020.

–   sono sospesi i termini dei versamenti relativi all’I.V.A. in scadenza nel mese di marzo 2020;

– sono altresì sospesi fino al 30 aprile 2020:

a) i termini relativi ai versamenti delle ritenute alla fonte, di cui agli articoli 23 e 24  DPR 600/73 che i predetti soggetti operano in qualità di sostituti d’imposta;

b) i termini  relativi ai  versamenti  dei contributi  previdenziali   e assistenziali   e   dei   premi   per l’assicurazione obbligatoria.

I versamenti sospesi sono effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, un’unica soluzione entro il 31 maggio 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di maggio 2020.

Per le associazioni e le società sportive, professionistiche e dilettantistiche, la sospensione si applica fino al 31 maggio 2020 ed i versamenti sono effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, in un’unica soluzione entro il 30 giugno 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di giugno 2020.

Non si farà luogo a rimborsi per quanto già versato

E stata infine prevista la sospensione dei termini di versamento dei carichi affidati all’agente della riscossione  (art. 61 D.L.. 18/2020), per i quali è opportuno prendere contatto con lo Studio, se di interesse.

Lo Studio è a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti.

Ultime Circolari

Anni di esperienza

Si può dire che conosciamo il nostro lavoro. Da oltre trent’anni lo studio supporta il vostro business.

Clienti Soddisfatti

I clienti dello studio vengono seguiti in modo sartoriale dai nostri professionisti.

Dottori Commercialisti

I professionisti di cui dispone lo studio sono Dottori commercialisti e Revisori contabili.

Contattaci

Le tematiche fiscali e amministrative possono risultare complesse, vieni a parlarne con noi, ti aiuteremo a trovare la soluzione che fa per te!

info@studiopenta.it

 

(+39) 059 342651

 

Modena - Viale Corassori 62

 

Vignola - Via Caselline 633

 

Dal Lunedì al Venerdì 9.00 - 19.00 - Sabato 9.00 - 12.30

 

15 + 15 =