Circolare n. 882

Costi chilometrici e fringe benefit per l’anno d’imposta 2021

 

L’Agenzia delle Entrate ha reso note le tabelle elaborate dall’ACI relative ai costi chilometrici da utilizzare per il 2021 al fine della determinazione del reddito figurativo da imputare ai dipendenti e collaboratori coordinati e continuativi, il cui reddito è assimilato a quello di lavoro dipendente, in caso di utilizzo promiscuo di autoveicoli e motocicli.

La percentuale di determinazione del fringe benefit varia a seconda del livello di emissioni di anidride carbonica.

Sono state rese note (Suppl. Ord. n. 42 alla Gazzetta Ufficiale n. 317 del 22/12/2020) le tabelle elaborate dall’ACI relative ai costi chilometrici da utilizzare per il 2021 al fine della determinazione del reddito figurativo da imputare ai dipendenti e collaboratori coordinati e continuativi, il cui reddito è assimilato a quello di lavoro dipendente, in caso di utilizzo promiscuo di autoveicoli e motocicli (art. 51, c. 4, TUIR, D.P.R. 917/86).

Ai sensi dell’art. 164 TUIR, i costi relativi ai veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti per la maggior parte del periodo di imposta sono deducibili nella misura del 70%.

Il calcolo è effettuato in misura forfettaria, assumendo una percorrenza annua di 15.000 chilometri.

La percentuale di determinazione del fringe benefit varia a seconda del livello di emissioni di anidride carbonica. In particolare sono state individuate 4 categorie di imponibilità in ragione dell’entità di emissioni di CO2:

  • 25% per i veicoli con valori di emissione di CO2 fino a 60g/km;
  • 30% per i veicoli con valori di emissione di CO2 superiori a 60g/km ma non a 160g/km;
  • 50% per i veicoli con valori di emissioni di CO2 superiori a 160g/km ma non a 190g/km;
  • 60% per i veicoli con valori di emissioni di CO2 superiori a 190g/km.

Riportiamo di seguito i  collegamenti alle tabelle nazionali ACI 2021:

Si ricorda che la determinazione del fringe beneft secondo le percentuali sopra illustrate si applica agli autoveicoli, ai motocicli e i ciclomotori

  • di nuova immatricolazione
  • concessi in uso promiscuo con contratti stipulati a decorrere dall’1.7.2020.

Al di fuori di detti casi, resta invece applicabile la disciplina previgente, in base alla quale la determinazione del fringe benefit è effettuato assumendo il 30% dell’importo corrispondente alla percorrenza annua di 15.000 chilometri.

 

Lo Studio rimane a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti.

Ultime Circolari

Circolare n. 970 – Novità del Decreto “Aiuti-quater” D.L. n. 176/2022

Circolare n. 970 – Novità del Decreto “Aiuti-quater” D.L. n. 176/2022

Il D.L. 176/2022 (c.d. Decreto “Aitui-quater”) ha elevato la soglia dei fringe benefit che passano da euro 600 a euro 3.000 per l’anno 2022.
Il provvedimento ha inoltre introdotto un credito di imposta per l’adeguamento degli strumenti di memorizzazione e trasmissione telematica da effettuarsi nel 2023.
Sono state infine prorogate le riduzioni delle aliquote di accisa e IVA sui carburanti.

Circolare n. 969 – Conversione in legge del c.d. “Decreto Aiuti-ter” D.L. n. 144/2022 Semplificazioni al modello di autodichiarazione degli aiuti di Stato da presentare entro il 30.11.2022

Circolare n. 969 – Conversione in legge del c.d. “Decreto Aiuti-ter” D.L. n. 144/2022 Semplificazioni al modello di autodichiarazione degli aiuti di Stato da presentare entro il 30.11.2022

La L. n. 175/2022 di conversione del D.L. n. 144/2022 c.d. “Aiuti-ter”, entrata in vigore il 18.11.2022 ha confermato le precedenti disposizioni ed altresì prorogato fino al 18 novembre le riduzioni delle aliquote di accisa su alcuni carburanti e dell’IVA al 5% sulle forniture di gas naturale.
L’agenzia delle Entrate, ha nei mesi scorsi prorogato e da ultimo semplificato la compilazione del modello di autodichiarazione degli Aiuti di Stato introducendo una nuova casella – casella “ES” – che permette unicamente ai soggetti che dichiarano di rispettare determinate condizioni, di non indicare l’elenco dettagliato degli aiuti fruiti.

Anni di esperienza

Si può dire che conosciamo il nostro lavoro. Da oltre trent’anni lo studio supporta il vostro business.

Clienti Soddisfatti

I clienti dello studio vengono seguiti in modo sartoriale dai nostri professionisti.

Dottori Commercialisti

I professionisti di cui dispone lo studio sono Dottori commercialisti e Revisori contabili.

Contattaci

Le tematiche fiscali e amministrative possono risultare complesse, vieni a parlarne con noi, ti aiuteremo a trovare la soluzione che fa per te!

info@studiopenta.it

 

(+39) 059 342651

 

Modena - Viale Corassori 62

 

Vignola - Via Caselline 633

 

Dal Lunedì al Venerdì 9.00 - 19.00 - Sabato 9.00 - 12.30

 

13 + 1 =