Circolare n. 18/2024

IMU 2024: termini e modalità di versamento dell’imposta

Presentazione della Dichiarazione IMU relativa all’anno 2023 entro il 1° luglio 2024

La prima rata IMU per l’anno 2024 deve essere versata entro il 17 giugno 2024 tramite Modello F24 o bollettino postale a seconda della tipologia di contribuente.

La Dichiarazione IMU relativa all’anno 2023 deve essere presentata entro il 1° luglio 2024

La principale novità per l’anno 2024 riguarda una norma di interpretazione autentica in merito all’esenzione IMU per gli immobili posseduti e utilizzati dagli enti non commerciali.

Termini di versamento

L’imposta IMU deve essere versata in due rate:

  • la prima entro il 16 giugno di ogni anno, sulla base dell’aliquota e delle detrazioni dei dodici mesi dell’anno precedente vale a dire il 17 giugno 2024 (cadendo il 16 giugno in giorno festivo);
  • la seconda entro il 16 dicembre di ogni anno a saldo dell’imposta dovuta per l’intero anno, con eventuale conguaglio sulla prima rata versata, sulla base delle aliquote deliberate dai singoli Comuni.

Il contribuente, tuttavia, può decidere di effettuare il versamento dell’imposta dovuta in un’unica soluzione annuale, entro il 17 giugno 2024 dell’anno di imposizione.

Determinazione della prima rata

Per l’anno 2024, la prima rata da corrispondere è pari alla metà di quanto versato a titolo di IMU per l’anno 2023 mentre, in sede di saldo, si provvederà a conguagliare la differenza sulla base  delle aliquote stabilite dai Comuni.

Modalità di versamento

I versamenti dell’IMU possono essere effettuati, in alternativa, mediante:

  • il modello F24 cartaceo o in via telematica;
  • il bollettino postale.

Il versamento dell’IMU effettuato mediante il modello F24 permette di compensare l’imposta dovuta con eventuali crediti fiscali o contributivi disponibili, nei limiti delle vigenti disposizioni.

Si riepiloga di seguito in forma tabellare la disciplina relativa al pagamento dei modelli.

CONTRIBUENTI NON TITOLARI DI PARTITA IVA
  MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DEI MODELLI F24
Cartacei presso banche/Poste Servizi telematici banche/Poste Servizi telematici Agenzia delle Entrate
Modelli F24 con saldo a debito senza compensazione
Modelli F24 con saldo a debito con compensazione NO NO
Modelli F24 con saldo a zero con compensazione NO NO
CONTRIBUENTI TITOLARI DI PARTITA IVA
  MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DEI MODELLI F24
Cartacei presso banche/Poste Servizi telematici banche/Poste Servizi telematici Agenzia delle Entrate
Modelli F24 con saldo a debito senza compensazione NO
Modelli F24 con saldo a debito con compensazione NO NO
Modelli F24 a saldo zero, con compensazione NO NO

 

Dichiarazione IMU – entro il 1° luglio 2024 presentazione delle dichiarazioni IMU per l’anno 2023

La dichiarazione IMU deve essere presentata, o in alternativa trasmessa telematicamente, entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell’imposta.

Per le variazioni intervenute nell’anno 2023, la dichiarazione IMU dovrà essere presentata entro l’ 01.07.2024 (cadendo il 30.06.2024 di domenica).

Con il D.M. 24.04.2024 è stato approvato il modello aggiornato di dichiarazione IMU e le relative istruzioni. Si rileva che a decorrere dall’anno di imposta 2024 la comunicazione di applicazione dell’ aliquota agevolata comunale è sostituita dalla dichiarazione ministeriale IMU da presentarsi negli stessi termini di cui sopra.

Ricordiamo infine che la dichiarazione IMU ha effetto anche per gli anni successivi sempre che non si verifichino modificazioni dei dati ed elementi dichiarati cui consegua un diverso ammontare dell’imposta dovuta.

Novità IMU per l’anno 2024 per gli immobili degli enti non commerciali

La Legge Bilancio 2024[1] reca una disposizione di interpretazione autentica del comma 759 lett. g) della Legge 160/2019 e delle norme da questo richiamate o sostituite con riferimento all’IMU dovuta per gli immobili “posseduti ed utilizzati” da un ente non commerciale.

È stato precisato che:

  • gli immobili si intendono posseduti anche nel caso in cui sono concessi in comodato ad un soggetto di cui all’art. 73 c. 1, lett. c), del TUIR, funzionalmente o strutturalmente collegato al concedente, a condizione che il comodatario svolga nell’immobile esclusivamente le attività previste dall’art. 7 c. 1, lett. i) del D.Lgs. 504/1992[2] con modalità non commerciali;
  • gli immobili si intendono utilizzati quando sono strumentali alle destinazione di cui all’art. 7, c. 1, lett. i), del D.Lgs. 504/1992, anche in assenza di esercizio attuale delle attività stesse, purché essa non determini la cessazione definitiva della strumentalità.

Si precisa che il modello aggiornato di dichiarazione IMU-ENC (approvato con il D.M. 24.04.2024) deve  essere utilizzato dai soggetti ENC per tutti gli immobili di cui sono in possesso e deve essere trasmesso ogni anno con modalità esclusivamente telematica.

Lo Studio rimane a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti e/o necessità.

[1] Art. 1 c. 71 L.213/2023

[2] Gli immobili destinati esclusivamente allo svolgimento con modalità non commerciali di attività assistenziali, previdenziali, sanitarie, di ricerca scientifica, didattiche, ricettive, culturali, ricreative e sportive, nonché’ delle attività di cui all’articolo 16, lettera a), della L. 222/1985.

Ultime Circolari

Circolare n. 949 – Dichiarazione dei redditi delle Persone Fisiche- Modello 730/2022 e Modello Redditi persone fisiche 2022

Le persone fisiche dovranno presentare entro il prossimo 30 novembre la dichiarazione dei redditi relativa all’anno 2021 (Modello Redditi 2022).
I dipendenti e i pensionati possono, in alternativa, presentare il Modello 730 entro il termine ultimo del 30 settembre, ottenendo così il rimborso dell’IRPEF a credito direttamente nella busta paga (a partire dal mese di luglio) o nella rata di pensione (a partire dal mese di agosto o settembre).
In allegato, l’elenco dei dati e documenti, da produrre allo Studio entro il prossimo 15 Aprile necessari per la compilazione della dichiarazione dei redditi. In considerazione dell’emergenza epidemiologica, i Sigg. Clienti sono invitati ad inviare i documenti allo Studio via email o in alternativa, sono pregati di mettersi in contatto con lo Studio per concordare le modalità di consegna.

Circolare n. 898 – SPID, CIE e CNS

Il D.L. 76/2020 ha stabilito che l’accesso dei cittadini ai servizi della Pubblica Amministrazione dovrà avvenire solamente attraverso lo SPID, la CIE o la CNS.
Per quanto riguarda invece imprese e professionisti, nulla cambia nell’immediato.

Circolare n. 886 – Gestione separata INPS

Con la circolare n. 12 del 5 febbraio 2021, l’INPS ha comunicato le aliquote per il calcolo dei contributi dovuti da tutti i soggetti iscritti alla Gestione separata dell’INPS, il valore minimale e il valore massimale annuo del reddito per l’anno 2021.

Anni di esperienza

Si può dire che conosciamo il nostro lavoro. Da oltre trent’anni lo studio supporta il vostro business.

Clienti Soddisfatti

I clienti dello studio vengono seguiti in modo sartoriale dai nostri professionisti.

Dottori Commercialisti

I professionisti di cui dispone lo studio sono Dottori commercialisti e Revisori contabili.

Contattaci

Le tematiche fiscali e amministrative possono risultare complesse, vieni a parlarne con noi, ti aiuteremo a trovare la soluzione che fa per te!

info@studiopenta.it

 

(+39) 059 342651

 

Modena - Viale Corassori 62

 

Vignola - Via Caselline 633

 

Dal Lunedì al Venerdì 9.00 - 19.00 - Sabato 9.00 - 12.30

 

15 + 6 =